Informazioni turistiche per le tue vacanze in Croazia

La reggenza del Carnaro e D’Annunzio a Fiume

La conquista di Fiume è uno di quegli episodi della storia d’Italia particolarmente dibattuti, a causa delle diverse interpretazioni che si possono dare della vicenda, che risulteranno decisamente diverso a secondo dell’inclinazione politica di chi la considera.

Appena dopo la fine della Prima Guerra Mondiale il celebre poeta Gabriele D’Annunzio organizzerà, insieme ad un manipolo di volontari e di ex militari, la presa della città di Fiume, dove da quel momento si instaurerà quella che nei libri di storia viene indicata come la Reggenza del Carnaro.

Fiume

Molte sono le interpretazioni sulla breve vita di questo piccolo stato libero, in cui confluirono alcune delle più vissute tendenze sociali e politiche dei turbolenti anni del dopoguerra, dagli anarchici ai socialisti, dai nazionalisti ai proto—fascisti.

Un’esperienza che alcuni considerano come una sperimentazione di quella che sarà poi il futuro stato fascista in Italia, mentre altri valutano per altri aspetti che furono altrettanto presenti ed importanti, sia per le implicazioni politiche che culturali che sociali.

Per esempio qui verrà teorizzato e praticato il naturismo, favorito anche dallo splendido panorama naturalistico della penisola istriana, che invita ad una vera e propria immersione nella natura.

Visitando Fiume non si potrà più oggi respirare lo strano clima di quegli anni, che però per molto tempo hanno lasciato un impronta nel carattere della città, nel suo essere diventata in seguito un centro in cui si incontravano e convivevano culture, religioni ed etnie diverse.